Impianti elettrici: arrivano le nuove norme

Il primo settembre entrerà in vigore la nuova Variante 3 alla norma CEI 64-8 “Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua”, che fornisce prescrizioni addizionali, ai fini delle prestazioni, per gli impianti elettrici di unità immobiliari ad uso residenziale situate all’interno dei condomini o di unità abitative mono o plurifamiliari.

Tali riferimenti si applicano sia ai nuovi impianti, sia ai rifacimenti completi di impianti esistenti. Restano esenti, invece, le unità abitative degli edifici di pregio per arte e storia e le parti comuni degli edifici residenziali.

In particolare l’Allegato A individua le dotazioni minime di un impianto elettrico con riferimento a 3 diversi livelli prestazionali e di fruibilità. Il livello 1 individua la dotazione minima, al di sotto della quale non è consentito scendere:  tale livello prevede, in particolare, un numero minimo di punti-prese e punti-luce in funzione della metratura o della tipologia del locale di installazione e un numero minimo di circuiti in funzione della metratura dell’appartamento

Lascio un commento